A Massimo Bray il premio della Presidente

30/08/2020

Massimo Bray è stato Direttore generale dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana, Presidente del Salone del Libro di Torino nelle edizioni 2017 e 2018  e, nel governo Letta, Ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, con il merito di aver varato l’importante Decreto Valore Cultura, legge quadro per il salvataggio e la tutela del patrimonio culturale.

Nel nome e nella difesa di una Costituzione militante, nel cui art.9 i padri costituenti promuovevano lo sviluppo della cultura e della ricerca e tutelavano il paesaggio e il patrimonio artistico, Bray si è battuto contro la supremazia delle logiche di mercato intese a imprimere, come un perverso re Mida, valore commerciale a tutto quanto toccano: compresi paesaggio, ambiente, patrimonio artistico, scuola e sanità. 

Nel suo libro-diario,  Alla voce cultura, ci ha raccontato la sua esperienza di Ministro e le ragioni della centralità della cultura, bene primario come l’acqua: sia nella vita socio-politica di una nazione realmente democratica, nazione di cittadini partecipi e consapevoli,  sia nel dialogo pacificatore della cooperazione internazionale. 

Contro un deviante mutamento antropologico, combattuto dai moniti evangelici a una nuova etica di Papa Francesco, Bray, con la pacata fermezza che gli è propria, ci mette in guardia, su parole di Primo Levi, dal rifugiarci nel conforto delle case comode e delle buone idee del passato. Sta noi, ci dice, cercare di riempire degnamente una vita lottando, come voleva Enrico Berlinguer, per una dimensione pienamente umanistica del nostro mondo. 

 

Simona Costa

Galleria Premio Letterario

Archivio Mostra tutta la galleria